Critiche:

Mariarosaria Belgiovine
Raffaello Bertoli
Emilio Bianchi
Paolo Gestri
Valentina Giovannelli
Ilaria Minghetti
Federico Napoli
Alfredo Pasolino
Silvia Ranzi
Salvatore Rondine
Piera Teglia
Ennio Valtergano
Gilberto Vannini
Viliano Viti

Critica di FEDERICO NAPOLI

Entusiasmo nella scoperta del mondo circostante, emozione nel rappresentarlo, velocità nella stesura compositiva: sembrano essere questi gli aspetti principali della pittura di Margherita Biondi. In altre parole, la sua espressione pittorica appare come il frutto di una sincerità (espressiva) comunicata con un semplice (perché immediato) linguaggio formale. Da qui, nascono anche altri aspetti del suo fare pittura: la familiarità idealmente instaurata con il fruitore e rivelata nella firma dalla presenza del solo nome o anche l’indicazione ripetuta in molti titoli dei tempi e luoghi rappresentati sulle superfici pittoriche, quasi a volerne sottolineare il valore affettivo, ma di cui però l’autrice ci rende partecipi. E’, dunque, una pittura che concretizza in immagini, cromaticamente vivaci, un sentimento privato, quasi un dare corpo oggettivo ai ricordi; perché quella di Margherita Biondi è una pittura sorridente, estroversa e nello stesso tempo memoria personale.

Federico Napoli