Critiche:

Mariarosaria Belgiovine
Raffaello Bertoli
Emilio Bianchi
Paolo Gestri
Valentina Giovannelli
Ilaria Minghetti
Federico Napoli
Alfredo Pasolino
Silvia Ranzi
Salvatore Rondine
Piera Teglia
Ennio Valtergano
Gilberto Vannini
Viliano Viti

Critica di ILARIA MINGHETTI

Amante del disegno e della pittura fin da bambina, amore al quale non è estranea la bravura del disegno della madre, Biondi ha iniziato a dipingere proiettando il proprio interesse verso l’informale. Successivamente la sua attenzione si è invece diretta all’osservazione e all’interpretazione del reale, in particolare il paesaggio e i fiori sono soggetti divenuti prediletti nella pittura di Biondi negli ultimi dieci anni. Questi dieci anni hanno visto un’evoluzione particolare nel concepire il paesaggio in se stesso: prima questo veniva dipinto dal vero, cogliendo particolari significativi, poi negli ultimi quattro anni, pur rimanendo reale come soggetto, il paesaggio è stato interpretato in maniera onirica e la realtà e il sogno si sono magicamente miscelati. Il paesaggio così interpretato nasce dalla volontà di trasmettere una lettura personale e intima della realtà della pittrice, una lettura positiva del vero che lei sente come propria e desidera trasmettere.

Ilaria Minghetti